13) Bestiario

Sottotipo Azata

Gli azata sono una razza di celestiali, o esterni buoni, nativi dei piani esterni di allineamento buono e caotico. Un azata possiede i seguenti tratti:

  • Scurovisione 18 metri e Visione Crepuscolare.
  • Immunità a elettricità e pietrificazione.
  • Resistenza a freddo 10 e fuoco 10.
  • Lingua Primeva (Sop): Tutti gli azata possono parlare con qualsiasi creatura che possieda un linguaggio, come fossero sempre sotto gli effetti di un incantesimo Linguaggi (LI 14°). Questa capacità è sempre attiva.
  • Sottotipo Buono: Questo sottotipo viene di solito applicato agli esterni nativi dei piani esterni di allineamento buono. La maggior parte delle creature che possiedono questo sottotipo è anche di allineamento buono; se però il loro allineamento dovesse cambiare, mantengono questo sottotipo. Qualsiasi effetto che dipenda dall'Allineamento considera queste creature come se avessero allineamento buono, a prescindere dal loro allineamento effettivo. La creatura subisce effetti legati anche al suo allineamento effettivo. Una creatura con il sottotipo buono supera la riduzione del danno come se le sue armi naturali e le armi che impugna fossero di allineamento buono.

Azata

Gli Azata sono una specie di celestiali nativi del piano di Elysium, dove domina la ricerca della libertà e della bontà. Gli azata sono paladini di questi valori: grandi poeti, cavalieri ed esploratori che vagano per i piani alla ricerca di brava gente che abbia bisogno del loro aiuto. Spesso sono descritti come i celestiali più simili ad elfi o a folletti; nonostante ciò gli azata hanno sembianze bizzarre, non umane e possono assumere forme elementali o soprannaturali. La maggior parte di essi possiede un titolo cavalleresco o nobiliare come duca, contessa o principe, apparentemente ereditario, forse proveniente da una monarchia celestiale ormai dimenticata. Tali titoli non sono usati dagli Azata per esercitare influenza l'uno sull'altro, ma solo per distinguersi o per questione di importanza. Sono nemici agguerriti del male, impavidi e abili in battaglia.

Non sorprende che i tre generi più noti di azata riescano a Volare, poiché raramente restano in un posto troppo a lungo, preferendo il brivido del movimento e la scoperta delle bellezze materiali. Molti degli "insediamenti" degli azata sono poco più di un insieme di tende in una zona di riferimento; gli azata si riuniscono durante il giorno per condividere notizie, storie e per duellare pacificamente, per poi spostarsi nuovamente dopo pochi giorni. Questi insediamenti provvisori sono colorati e hanno un'aria di festa, in quanto gli azata accolgono i membri della loro specie come dei cari amici. Sebbene pochi possano prevedere dove e quando possa nascere una comunità azata, alcune specie o razze si riuniscono in gruppi per varie celebrazioni e riunioni tradizionali. Tali ritrovi avvengono tipicamente in un periodo mistico, come la sera dell’equinozio lunare o durante periodi meno anticipabili, come il matrimonio di due profeti, e sempre in un posto di pura o grande meraviglia naturale. Tutti gli azata sanno quando e dove potrebbe avvenire il prossimo raduno o quello più vicino, e tutti sono i benvenuti. Questi raduni, tuttavia, non impediscono agli azata di avere possedimenti e comunità stabili; le cime di Elysium risuonano all'infinito delle canzoni dei cori azata.

Sebbene gli Arconti, stoici e legati alla loro patria, considerino i loro cugini degli irresponsabili, gli azata sono guidati da una natura battagliera e non sopportano di restare in un posto troppo a lungo. Questa tendenza li porta a servire i mortali per un periodo molto breve, preferendo arrivare, svolgere il proprio compito e continuare con altre sfide. Per quanto cerchino di diffondere libertà e gioia, gli azata capiscono di non poter imporre tali virtù in tutto il multiverso. Senza oscurità non ci può essere nessuna luce e senza lotta non ci può essere nessuna vittoria. Premesso ciò, questi celestiali prendono le distanze da molti conflitti dei mortali, preferendo agire come consiglieri piuttosto che come paladini, concedendo ai mortali buoni il controllo delle proprie conquiste. Tuttavia, in casi in cui le forze del male agiscono liberamente e irrompono nei mondi dei mortali, gli azata corrono in difesa di tali regni per aiutare i più indifesi.

In genere gli azata collaborano tra loro, ma le loro forti personalità e il grande senso di libertà individuale spesso li vede contrapporsi in date situazioni. Sebbene entrambe le parti abbiano a cuore il bene superiore, tali argomenti possono essere fraintesi e diventare motivi di scontro. Nei casi in cui un solo azata sia convinto che il suo modo di agire sia giusto, può autoescludersi, rinunciando all'appoggio dei suoi simili in modo da poter lanciare una crociata solitaria contro le malvagità del multiverso.

Molti degli azata provengono dalla bellezza incontaminata di Elysium, creati e nutriti dall'influsso delle anime dei mortali buoni. Come gran parte degli esterni, non possono riprodursi l'uno con l'altro, e spesso si incontrano con i mortali ritenuti affascinanti e di indole buona. Gli azata amoreggiano spesso con i loro simili, essendo inclini all'amore, alla gioia e all'amicizia, ma raramente si sentono legati a uno solo di loro, a prescindere dalla razza.

Gli azata parlano il Celestiale, il Draconico e l’Infernale ma possono parlare con quasi ogni creatura grazie alla padronanza del lingua primeva.


Fonte: http://www.d20pfsrd.com/bestiary/monster-listings/outsiders/azata