Lamashtu
Simbolo Sacro di Lamashtu
Divinità
Titoli La Madre dei Mostri,
La Regina Demone,
Madre Demoniaca
Allineamento Caotico Malvagio
Sfere di Influenza Follia, incubi e mostri
Adoratori Gnoll, meduse, arpie, goblin, qualche minotauro, culti umani nascosti
Allineamento dei Chierici
Domini Concessi Caos, Follia, Forza, Inganno, Male
Arma Preferita Falchion

Lamashtu (pronunciato lah-MAHSH-too) è la madre e patrona di moltre creature deformi e malformate che strisciano, scivolano, o sopra la terra o sotto la superficie di Golarion.

Storia

Lamashtu una volta era una potente signora dei demoni. In epoche passate si era alleata con Pazuzu, anche se l'esatta natura della loro alleanza è spesso contestata da studiosi di tradizioni demoniache. Alcuni dicono che erano amanti, o che fossero parenti, o semplicemente alleati convenienti. Ciò che si sa per certo è che attirò il dio Curchanus nel suo territorio e lo devastò con sciami di demoni e di altri mostri fino a che non era abbastanza debole per essere attaccato da lei. Per sconfiggerlo, gli strappò il suo dominio sulle bestie, iniziando un'antica vendetta con la pupilla di Curchanus, Desna. Questo impregnò la demone con una piccola quantità del suo potere divino.

Pazuzu era infuriato per questo spostamento di potere e quando la dea tornò dalla battaglia, la tradì e la attaccò. Pazuzu la ferì terribilmente, ma la sua nuova e ritrovata divinità le permise di sopravvivere. Da allora sono stati nemici mortali. La vendetta di Lamashtu contro di lui è eguagliata solo dalla vendetta di Desna nei suoi confronti.

Si sostiene che molte razze mostruose umanoidi siano state create da lei.

Relazioni

Lamashtu, in una presa di posizione che ben si addice con le sue origini demoniache, ritiene tutti gli altri dèi suoi nemici. La dea è consapevole dell'odio di Desna verso di lei a causa della morte di Curchanus, ma non da a lei molta importanza. Nonostante queste diffuse ostilità, concentra le sue attenzioni sul far crescere i propri culti ed ampliare la loro portata, così come sulla nascita di nuove ed orrende mostruosità. Ha una visione incompatibile con quella di Shelyn, che a Lamashtu piacerebbe catturare e trascinare nella sua personale visione mostruosa della bellezza. Inutile dire che i fedeli di Shelyn trovano questo concetto aberrante e terribile.

Lamashtu non è attivamente in guerra con gli altri signori dei demoni, con la sola eccezione di Pazuzu. Ha solo qualche ha rivalità con qualcuno e dice di averne altri come amanti (come Baphomet).

Aspetto ed Emissari

le immagini di Lamashtu la ritraggono come una donna avente una testa di sciacallo con un terzo occhio verticale al centro della sua fronte, in stato avanzato di gravidanza, con ali piumate, la coda di serpente, e le zampe artigliate. Lei è sempre raffigurata con le sue due lame mortali, Redlust e Chillheart. La testa può variare a seconda della natura dei suoi adoratori, gnol preferiscono la testa di sciacallo, quelle delle meduse un serpente, per le arpie un falco, e così via.

Servitori

Lamashtu e i suoi fedeli squilibrati tengono creature di deformità, di mostruosità e in grande considerazione di virilità. Taumaturghi e chirici al suo servizio sono spesso chiamati demoni shemhazian e altre creature abissali al loro servizio.

Bloodmaw

Questo odioso, potente e astuto cane ha un occhio verde e uno rosso. Egli apprezza la promessa di una carneficina e di una buona caccia.

Yaenit

Questi mostruosi demoni-iena schiavi assomigliano ad arconti segugi con lunghe braccia e deformate teste di iena; amano mutilare e uccidere in nome di Lamashtu.

Yethazmari

Lo yethazmari appare come un enorme sciacallo, altro 14 piedi di altezza alla spalla, con occhi che fumano, ali di cuoio nero e un serpente come coda; l'araldo di Lamashtu porta con se terrore e spargimenti di sangue. Nella sua scia, depone uova di terribili e brutali tryst che una volta nati portano pazzia.

Chiesa di Lamashtu

La chiesa di Lamashtu è sparsa e priva di una gerarchia globale, ma è raro che due preti entrino in conflitto diretto, come si riconoscono reciprocamente per la devozione condivisa e l'ostilistà vista da coloro che sono al di fuori della religione. Molti indemoniato pagano omaggi a Lamashtu sia come signore dei demoni che come dea.

Adoratori e Clero

I seguaci di Lamashtu cercano la deformità in se stessi e negli altri. Essa è tipicamente adorata dalle razze come gli gnoll (che affermano di essere stati creati quando Lamashtu prese una iena come suo consorte), goblin e meduse. Lamashtu è considerata la dea creatrice di molte razze di mostri che la adorano di conseguenza, ad esempio le lamie e i morlock.

Lamashtu è adorata nel continente di Tian Xia dove è conosciuta come la Nonna dell'incubo. Anche se i suoi devoti si possono trovare nella maggior parte delle città, è più comune (ed apertamente) venerata nella regioni più selvaggie delle Darklands, Goka, Nagajor, Shaguang, la Giungla Valashmai, le montagne Mutro dei Cieli e a Wanshou.

L'abbigliamento abituale dei suoi seguaci umani è quella di una maschera con la faccia da sciacallo (di cuoio o metallo), un paio di spade o coltelli fatte per assomigliare alle armi personali di Lamashtum e un mantello di piume nere. Le razze mostruose indossano più o meno lo stesso, ma in genere rinunciano di indossare una maschera.

Il favore di Lamashtu si manifesta come sogni violenti, la comparsa di deformità o di gravidanze improvvise e inspiegabili che spesso comportano la dolorosa (e talvolta mortale) nascita di un bambino deforme. Gli adoratori che la dispiaciono possono dare alla luce un figlio "perfetto", come un essere umano o halfling. Essi possono ritrovarsi sterili o incapaci di raggiungere la soddisfazione sessuale.

Templi e Santuari

di solito Lamashtu non è adorata in un edificio costruito dagli umani, ma piuttosto in un anello di pietre, colonne, alberi, blocchi di legno, una buca nel terreno o una roccia piatta. Gli ingressi un luoghi di culto sotterranei srappresentano l'ingresso al mondo sotterraneo, dominio della dea. Di norma, si trovano alla periferia della civiltà, o nella vera vità selvaggia, e molti sono macchiati di sangue e disseminano i resti delle nascite fallite, e le vittime di quelle che hanno avuto successo.

Testi Blasfemi

I culti di Lamashtu raramente hanno avuto molto interesse o enfasi sui testi, preferendo affidarsi alla rivelazione divina e alla follia. Tuttavia, i più coerenti dei suoi seguaci hanno buttato giuù alcuni scritti nel corsi di orrendi eoni.

Il Teschio di Mashaag

Il cranio ingiallito di un yaenit che morì al servizio di Lamashtu, questo oggetto ha l'abilità di parlare la volontà della dea in diverse lingue. Ogni pochi anni, i suoi fedeli si riuniscono per ascoltare i suoi insegnamenti e gli eroi di ogni tribù subiscono una serie di gare epr determinare quale gruppo è quello da poterlo tenere.

Le Quattro Pelli di Lawn

Questo è un'insieme di tre strisce di cuoio, ciascuno costituito della pelle di un umanoide. Il quarto è stato perso molto tempo fa e si dice che contenga mostruosi riti di potere e fertilità in nome di Lamashtu.

Festività

I culti di Lamashtu non celebrano note feste regolari, anche se le nascite, deformità e visite demoniache sono spesso la causa delle celebrazioni edonistiche e dissolute tra di loro.


Fonte: http://www.pathfinderwiki.com/wiki/Lamashtu