Pharasma
Simbolo Sacro di Pharasma
Divinità Maggiore
Titoli Signora delle Tombe,
Madre delle Anime
Allineamento Neutrale
Sfere di Influenza Fato, morte, nascita e profezia
Adoratori Levatrici, donne incinte, tombaroli
Allineamento dei Chierici
Domini Concessi Morte, Guarigione, Conoscenza, Riposo, Acqua
Arma Preferita Pugnale

La Signora delle Tombe, Pharasma (pronunciato fah-RAZ-mah), è la dea che guida le anime recentemente dipartite da Golarion alla loro meta finale. Dopo la morte, le anime migrano nel cimitero di Pharasma nella Sfera Esterna, che si trova in cima ad una cuspide incredibilmente alta che trafigge il Piano Astrale. Pharasma non decide se la morte sia giusta o no; vede tutto con un'atteggiamento freddo ed indifferente e decide su quale dei Piani Esterni un'anima trascorrerà l'eternità. Pharasma è anche la dea della nascita e della profezia; dal momento in cui nasce una creatura, lei vede ciò che sarà il suo destino finale, ma il giudizio finale è comunque sospeso fino quando l'anima si trova finalmente dinnanzi a lei. Come dea della morte e della rinascita, odia i Non-Morti e li considera una perversione. Quest'ultimo fatto porta Pharasma a concedere poteri modificati attraverso il Dominio della Morte e il Sottodominio delle Anime quando sono concessi ai suoi seguaci. Gli incantesimi che sono concessi ai suoi seguaci non hanno la possibilità di creare Non-Morti o di trarre beneficio dalla loro presenza, a differenza di altre divinità che concedono ai loro seguaci l'accesso a questo dominio e sottodominio.

Storia

Pharasma è considerata una delle divinità originali che si opposero a Rovagug. Qualche tempo dopo, la fuga di Urgathoa dal Cimitero e il ritorno al Piano Materiale ha portato non-morti e malattie nel mondo.

Pharasma era parte, anche se minore, del pantheon Thassiloniano, in cui aveva il ruolo di dea della morte.

La morte di Aroden, il primo ad ascendere tra gli dèi, alla fine dell'Era dell'Incoronazione, 100 anni fa, era estremamente inaspettato. La sua morte non era stata profetizzata ed, una volta morto, la maggior parte delle altre profezie del mondo cominciarono ad andare male. Molti dei sacerdoti di Pharasma hanno perso la loro fede o sono impazziti come risultato, ma quelli che rimasero, stanno scoprendo che la presa di Pharasma sulla profezia è divenuta meno importante, mentre il suo dominio su morte, nascita e fato sono sempre più forti. E' un momento di cambiamento per Pharasma e la sua fede. Alcune leggende dicono che Pharasma era a conoscenza dell'approssimarsi della morte di Aroden, ma ha scelto di non dire niente ai suoi seguaci per motivi sconosciuti.

Relazioni

Pharasma rimane neutrale in quasi tutti gli aspetti verso le altre divinità. Iomedae porta ancora un leggero rancore nei suoi confronti per non aver rivelato l'imminente morte di Aroden. Urgathoa e i suoi seguaci sono sempre più vicini ad essere considerati dei nemici.

Aspetto ed Emissari

Pharasma è spesso raffigurata come una femmina umanoide con la pelle cinerea e gli occhi bianchi. Indossa una lunga tunica scura con cappuccio, simile a una toga. Accanto ha spesso una clessidra piena di sabbia rossa.

Servitori

Pharasma impiega una serie di insoliti esseri immortali come servi. L'araldo di Pharasma, conosciuto come il Sovrintendente della Matassa, è una coppia di esseri simili a ghaele legati insieme; uno dei due brilla di bianco e blu, l'altro di arancione brillante ed ebano.

Nato nel Dolore

Questo servo è un ravid, una creatura planare esterna. Ha poteri da Chierico.

Eco di Divinità Perduta

Questo servitore è un guerriero spettrale addobbato con abiti costosi. Ha una somiglianza inquietante con Aroden.

Lapide Senza Fine

Questo servo somiglia a una ruota animata composta da roccia.

Chiesa di Pharasma

Pharasma è nota come la profetessa folle, la mietitrice dei morti o la levatrice, a seconda del ruolo che ricopre al momento. I suoi seguaci, per le sue cerimonie, si vestono di nero, adornati d'argento e piccole fiale d'acqua santa. La presenza di scarabei, coleotteri e caprimulghi può essere interpretata come un segno del favore della dea. Le rose nere sono considerate segni di buona fortuna, specialmente se la rosa non ha spine. Un sanguinamento da sotto le unghie delle dita, un inspiegabile sapore di terreno fertile, la scoperta di caprimulghi morti o la sensazione che qualcosa di importante sia stato dimenticato, così come dei brividi di freddo lungo la colonna vertebrale, possono essere indicativi della sua disapprovazione.

Adoratori e Clero

Molti fedeli di Pharasma sono legati a doppio filo a una delle fasi estreme della vita mortale, sia essa il primo germogliare della vita o il suo spegnersi nella morte. Non è un caso, dunque, se tra i suoi fedeli si contano numerosi becchini, ostetriche e impresari di pompe funebri. I suoi sacerdoti sono in genere chierici, indovini, necromanti che abbiano scelto di non creare non-morti. I suoi seguaci vedono i non-morti con odio e li considerano un completo abominio: consegnarli al riposo eterno, pertanto, è un dovere sacro. La creazione dei non-morti è severamente vietata, e l'atto di comandarli laddove sarebbe possibile distruggerli è cosa altrettanto esecrabile.

Templi e Santuari

I templi di Pharasma hanno l'aspetto di scure ed antiche cattedrali. Si trovano, solitamente, nei pressi di un cimitero. Sotto gli edifici vi sono catacombe piene di cripte dei morti, in genere di sacerdoti o benestanti borghesi. Essere sepolti in questi luoghi, si dice, garantisce il favore della Signora dei Cimiteri. Ad esempio, a Sothis, la Necropoli dei Fedeli si estende molto al di fuori dei confini originali del Grande Tempio di Pharasma. Nelle funzioni osservate dai fedeli i canti e gli inni hanno un posto importante. Questi riti, in genere, sono considerati un evento gioioso, una celebrazione del cerchio della vita e della morte. I membri del clero tengono anche un registro delle nascite e delle morti di una comunità.

Tra i principali templi dedicati a Pharasma figura la Cattedrale della Bocca di Dio di Kaer Maga.

Testi Sacri

Il libro sacro di Pharasma si chiama "Gli Ossari nella Spirale".

Festività

I seguaci di Pharasma celebrano il Giorno delle Ossa il 5 di Pharast.

Fedeli di Pharasma nel Tian Xia

Pharasma è una divinità popolare anche nel lontano continente di Tian Xia, dove è conosciuta come Madre delle Anime. Il nome riflette la sua duplice natura di entità che dona e prende la vita.

Il suo culto è più comune nelle colonie Taldane di Amanandar, Dtang Ma, Goka, Shaguang, Shenmen, Shokuro e Zi Ha.

Organizzazioni

Un'ala militante del clero di Pharasma, le Voci della Spirale, si dedica completamente allo sterminio dei Non Morti. La base dell'ordine è la città osiriana di Wati, ma dispone di basi anche nel Nex e nell'Ustalav.


Fonte: http://www.pathfinderwiki.com/wiki/Pharasma