13) Bestiario

Sfinge

Le enigmatiche sfingi sono imparentate tra loro, pur essendo assai diverse in aspetto, intelletto e personalità. Tutte combinano un corpo da leone, ali da falco e testa di qualche altra specie. Le più intelligenti e potenti di questa specie sfoggiano teste umanoidi, maschili o femminili. I due tipi di sfingi a testa umanoide sono in realtà due razze separate, e non semplicemente due sessi di una stessa razza. Queste razze dalla testa umanoide vengono spesso chiamate Androsfingi e Ginosfingi, termini che molte sfingi considerano degradanti. Le sfingi minori hanno la testa di una bestia e sono invariabilmente maschili; quelle più diffuse sono le Criosfingi dalla testa d'ariete e le ieracosfingi dalla testa di falco, di indole più feroce. Le sfingi negano qualsiasi discendenza condivisa con gli altri ibridi leonini come i Grifoni e le Manticore, per non parlare di esseri celestiali come i Lammasu, e trovano questo argomento di discussione di cattivo gusto.

Le sfingi preferiscono i climi desertici caldi e le colline limitrofe, sia per il calore a loro gradito che per il piacere della solitudine. Le sfingi più intelligenti possiedono una natura socievole contraddittoria, in cui il desiderio di conversare si alterna a quello di isolamento in base all'umore del momento. Anzi, accade spesso che una sfinge irritata o annoiata se ne vada nel bel mezzo di una discussione, o che uccida e sbrani i suoi supplicanti spinta da un impulso di improvviso fastidio.

Sebbene le sfingi come razza non siano effettivamente immortali, sono straordinariamente longeve, fatta eccezione per le violente Ieracosfingi, che raramente sopravvivono più di due decenni. A meno che non restino uccise in incidenti, atti di violenza o tragedie, le altre sfingi sembrano spegnersi solo quando si sono stancate di vivere e acconsentono volontariamente a morire. Più una sfinge è vecchia, meno ha bisogno di nutrirsi. Le sfingi più vecchie si concedono forse un pasto al secolo, cosa che fa di loro dei guardiani ideali per monumenti, templi e tombe.

Le sfingi preferiscono conversare nel loro linguaggio, ma molte sanno parlare anche quelli degli umani e dei draghi. Rivolgersi a una sfinge nel suo linguaggio mostrando la dovuta cortesia e deferenza è un ottimo inizio per assicurarsi una conversazione pacifica. A tutte le sfingi, ad eccezione delle Ieracosfingi, piacciono le conversazioni stimolanti, sebbene in creature tanto longeve la memoria per i dettagli tenda a essere tristemente carente. In certe culture, "avere il cervello di una sfinge" è l'equivalente sarcastico di "essere rimbambito".

Sebbene le sfingi siano famose per amare gli enigmi, in realtà sono solo le Ginosfingi ad esserne appassionate. Le Androsfingi preferiscono le elevate discussioni filosofiche, mentre le Criosfingi argomenti più pratici o lodi aperte. È raro che le Ieracosfingi si mettano a conversare, e rispondono soltanto se minacciate da creature più potenti di loro.

I loro vicini umanoidi in genere imparano presto a evitare le sfingi locali, in quanto esse si fanno sempre più irritabili ogni volta che la loro solitudine viene violata. A parte ciò, quando la tana di una sfinge viene scoperta, la creatura deve comunque aspettarsi un flusso costante di visitatori desiderosi di attingere alla leggendaria saggezza di questa razza. Alcune sfingi si trasferiscono in rifugi più tranquilli quando le interruzioni diventano troppo numerose da sopportare; altre divorano alcuni dei supplicanti più irritanti finché queste visite non cessano.

Le sfingi hanno delle insolite abitudini di riproduzione, che contribuiscono non poco alla scarsa diffusione e alla strana diversificazione della loro specie. In verità, il pensiero di riprodursi è uno dei più ricorrenti nella mente di tutte le sfingi, fatta eccezione per le pudibonde Androsfingi. Le Ginosfingi femminili riservano soltanto disprezzo alle sfingi dalla testa di animale e desiderano solo l'attenzione delle mascoline Androsfingi. Da parte loro, le Androsfingi considerano la questione uno spreco di tempo e di energie che potrebbero essere dedicate più degnamente ad attività più nobili che non ai fugaci piaceri della carne. Sia le Criosfingi che le Ieracosfingi bramano l'unione con le Ginosfingi. Le prime si umiliano e tentano di ottenere i favori offrendo loro regali sfarzosi. Le Ieracosfingi fanno spregio di queste usanze civilizzate e si accoppiano con la forza in quelle rare occasioni in cui dispongono di una femmina alla loro mercé.

Da queste rare unioni possono nascere da due a quattro sfingi di qualsiasi tipo, a prescindere dalle specie dei genitori. È la natura dell'unione stessa a influenzare la specie della progenie nascente. Da quelle rare unioni frutto di amore e di rispetto nascono Androsfingi e Ginosfingi. Quelle nate da desideri carnali o da impulsi egoisti quasi sempre generano delle Criosfingi. Le ieracosfingi nascono da atti di odio e violenza, e le loro madri disgustate le abbandonano rapidamente, per evitare che i cuccioli si rivoltino contro di loro. Tra tutti i maschi, soltanto le Criosfingi contribuiscono volontariamente a svezzare i cuccioli, spesso come parte di un patto stipulato prima dell'accoppiamento.

I popoli del deserto a volte rendono onore a queste creature erigendo enormi sfingi di pietra, spesso con il volto dei loro sovrani e nobili. Secondo le leggende, i primi monumenti di questo tipo sarebbero stati modellati sulle sfingi più grandi e antiche, modelli esemplari di saggezza e sapienza, di taglia ben superiore a quella di qualsiasi sfinge comune. Le più grandi e antiche di queste sfingi si adagiarono sulle sabbie del deserto quando si stancarono dell'immortalità, e scivolando nel sonno eterno i loro corpi si trasformarono in pietra arenaria.

Queste sfingi anziane potrebbero essere Androsfingi o Ginosfingi, o più raramente Criosfingi. Possiedono come minimo l'archetipo avanzato, molti Dadi Vita aggiuntivi e una taglia Enorme o superiore (quasi sempre Mastodontica o Colossale). Possono usare Comunione, Conoscenza delle Leggende e Contattare Altri Piani come capacità magiche una volta al giorno ciascuna (LI pari al GS della sfinge) e spesso sono dotate di altri poteri e attacchi speciali. Molte di queste sfingi possono entrare in uno stato pietroso di animazione sospesa simile alla capacità speciale immobilità, ma non riescono a risvegliarsi facilmente da questo sonno. Le altre sfingi, perfino le animalesche Ieracosfingi, si rimettono al volere delle sfingi anziane in ogni questione e le considerano quasi delle divinità.


Fonte: http://www.d20pfsrd.com/bestiary/monster-listings/magical-beasts/sphinx