Stirpi

Non Morta

La corruzione della morte scorre nella famiglia dello Stregone. Forse uno dei suoi antenati è diventato un lich o un vampiro potente, o forse è nato morto prima di ritornare improvvisamente in vita. In ogni caso, le forze della morte si muovono in lui ed in ogni sua azione.

Abilità di Classe: Conoscenze (religioni).

Incantesimi Bonus

Talenti Bonus

Abilità Focalizzata (Conoscenze [religioni]), Duro a Morire, Incantare in Combattimento, Incantesimi Focalizzati, Incantesimi Immobili, Resistenza Fisica, Robustezza, Volontà di Ferro.

Magia della Stirpe

Si rendono alcuni Non Morti suscettibili ai propri incantesimi di influenza mentale. I Non Morti corporei che una volta erano Umanoidi sono trattati come tali al fine di determinare quali incantesimi abbiano effetto su di loro.

Poteri della Stirpe

Si è in grado di invocare i ripugnanti poteri dell’aldilà. Purtroppo, più li si attira e più l’unione con la morte stessa si avvicina.

Tocco della Tomba (Mag): A partire dal 1° livello, come azione standard, si può compiere un attacco di contatto in mischia che rende una creatura vivente Scossa per un numero di round pari a metà del proprio livello da Stregone (minimo 1). Se si tocca una creatura Scossa con questa capacità, essa diventa Spaventata per 1 round se ha meno Dadi Vita del proprio livello da Stregone. Si può utilizzare questa capacità un numero di volte al giorno pari a 3 + il proprio modificatore di Carisma.
Dono della Morte (Sop): Al 3° livello, si ottiene Resistenza al Freddo 5 e RD 5/— contro il Danno Non Letale. Al 9° livello, la Resistenza al Freddo aumenta a 10 ed la RD aumenta a 10/— contro il Danno Non Letale.
Presa della Morte (Mag): Al 9° livello, si può far scaturire dal terreno uno sciame di braccia scheletriche per squarciare e lacerare i nemici. Le braccia scheletriche scaturiscono dal terreno in un’esplosione di 6 metri di raggio. Chiunque si trovi in questa zona subisce 1d6 danni taglienti per livello da Stregone. Coloro che si trovano nell’area dell’esplosione ricevono un Tiro Salvezza su Riflessi per dimezzare il danno subìto. Le creature che falliscono il tiro sono incapaci di muoversi per 1 round. La CD di questo Tiro Salvezza è pari a 10 + metà del proprio livello da Stregone + il proprio modificatore di Carisma. Le braccia scheletriche scompaiono dopo 1 round. Al 9° livello, si può utilizzare questa capacità una volta al giorno. Al 17° livello, si può utilizzare questa capacità due volte al giorno. Al 20° livello, si può utilizzare questa capacità tre volte al giorno. Questo potere ha un raggio di azione di 18 metri.
Forma Incorporea (Mag): Al 15° livello, si può diventare Incorporei per 1 round per livello da Stregone. Mentre si è in questa forma, si ottiene il Sottotipo Incorporeo. Si subisce solo metà danno da fonti materiali magiche (non si subisce danno da armi e oggetti non magici). Però, i propri incantesimi infliggono solo metà danno alle creature corporee. Gli incantesimi ed altri effetti che non infliggono danno funzionano normalmente. Si può utilizzare questa capacità una volta al giorno.
Uno di Noi (Str): Al 20° livello, il proprio corpo comincia a decomporsi (si può decidere l’aspetto di questo decadimento come si vuole) e si passa inosservati ai Non Morti. Si ottiene Immunità al Freddo, al Danno Non Letale, alla Paralisi ed al sonno. Inoltre, si ottiene RD 5/—. Non si viene notati dai Non Morti non intelligenti a meno che non li si attacchi. Si riceve Bonus Morale +4 ai Tiri Salvezza effettuati contro incantesimi e Capacità Magiche dei Non Morti.

Fonte: http://www.d20pfsrd.com/classes/core-classes/sorcerer/bloodlines/bloodlines-from-paizo/undead-bloodline