13) Bestiario

YetiGS 4 PE: 1.200

Questa creatura cammina come una persona, ma è grande una volta e mezza un uomo ed è coperta di pelo bianco.
Allineamento: N
Categoria: Umanoide Mostruoso (Freddo) Grande

Umanoide Mostruoso

Gli umanoidi mostruosi sono simili agli umanoidi, ma hanno tratti mostruosi o bestiali. Spesso hanno anche Capacità Magiche. Un umanoide mostruoso ha i seguenti privilegi.

Tratti

Un umanoide mostruoso possiede i seguenti tratti (se non è indicato diversamente nella descrizione della creatura).

  • Scurovisione 18 metri.
  • Competente in tutte le armi semplici e nelle armi che utilizza nella sua descrizione.
  • Competente nel tipo di armatura (leggera, media o pesante) che indossa nella descrizione, o per classe di personaggio. Gli umanoidi mostruosi che non vengono descritti con un’armatura non sono competenti nelle armature. Gli umanoidi mostruosi sono competenti negli scudi se sono competenti in qualsiasi forma di armatura.
  • Gli umanoidi mostruosi respirano, mangiano e dormono.

Sottotipo Freddo

Una creatura con il sottotipo freddo ha Immunità al freddo e Vulnerabilità al fuoco.

Iniziativa: +1
Sensi: Fiuto, Scurovisione 18 m; Percezione +10

Yeti.jpg
Paizo Blog

Difesa

CA: 17, contatto 10, impreparato 16; (+1 Destrezza, +7 naturale, -1 taglia)
PF: 45 (6d10+12)
Tiri Salvezza: Tempra +6, Riflessi +6, Volontà +6
Immunità: Freddo
Debolezze: Vulnerabilità al fuoco

Attacco

Velocità: 12 m, Scalare 9 m
Mischia: 2 artigli +9 (1d6+4 più 1d6 da Freddo)
Attacchi Speciali: Sguardo Terrificante, Squartare (2 artigli, 1d6+6 più 1d6 da Freddo)
Spazio: 3 m
Portata: 3 m

Statistiche

Caratteristiche: Forza 19, Destrezza 12, Costituzione 15, Intelligenza 9, Saggezza 12, Carisma 10
Bonus di Attacco Base: +6
BMC: +11
DMC: 22
Talenti: Attacco Poderoso, Incalzare, Tempra Possente
Abilità: Furtività +1 (+9 nella neve), Intimidire +9, Percezione +9, Scalare +21
Linguaggi: Aklo
Modificatori Razziali: +4 Furtività (+12 nella neve)

Capacità Speciali

Freddo (Sop)

Il corpo di uno yeti genera freddo intenso, infliggendo 1d6 danni alle creature che entrano in contatto con esso con un attacco senz’armi o un attacco naturale, o quando colpisce un avversario con i suoi artigli o il suo attacco squartare.

Sguardo Terrificante (Sop)

Le creature entro 9 metri che incontrano lo sguardo di uno yeti devono superare un Tiro Salvezza su Volontà con CD 13 (basata su Carisma) o restano Paralizzate dalla paura per 1 round. È un effetto di influenza mentale, paralisi e paura. Una creatura che supera il Tiro Salvezza non può subire gli effetti dello sguardo terrificante dello stesso yeti per 1 giorno.

Squartare (Str)

Se colpisce con due o più attacchi naturali, in 1 round, una creatura con l’attacco speciale squartare può causare danni ingenti afferrando la carne dell’avversario e strappandola. Questo attacco infligge danni addizionali, ma non più di una volta a round. Il tipo di attacchi che devono colpire e il danno addizionale sono inclusi nella descrizione della creatura. Il danno addizionale è di solito pari al danno causato da uno degli attacchi più una volta e mezzo il bonus di Forza della creatura.

Ecologia

Ambiente: Montagne Fredde
Organizzazione: Solitario, coppia o tribù (3-8)
Tesoro: Standard

Descrizione

Misterioso e raro da incontrare (tranne che per le sue vittime), lo yeti è un enorme abitante dei più solitari ed impervi picchi montani. Coloro che vivono lungo le pendici di tali montagne narrano di “abominevoli uomini delle nevi” che scendono dai monti per portare via bestiame e perfino persone lasciando dietro a sé soltanto le impronte di enormi piedi nudi sulla neve insanguinata.

Anche se le storie degli yeti sono accurate nel descrivere la loro ferocia, silenziosità e immensa forza, non lo sono nel parlare del loro temperamento e delle loro origini. Vivono in piccole tribù sulle montagne, lontani dal contatto con le altre razze. Quelli fra loro più sanguinari e feroci vengono scacciati ed esiliati, e senza il supporto della tribù si trovano a razziare gli insediamenti a valle, perpetuando così il mito dello yeti come demone incarnato.

La fonte della follia sanguinaria che coglie alcuni di essi può essere rintracciata in un’unica fonte: la vicinanza ad altre bizzarre ed antiche dimensioni. I rifugi degli yeti si trovano in luoghi dove il confine fra questo mondo e gli altri è più sottile. Non si sa se gli yeti siano invasori provenienti da queste dimensioni o dal Piano Materiale, ma sembra chiaro che qualunque sia la loro provenienza, gli yeti non amano gli abitanti di queste strane dimensioni, e fanno perfino da guardiani contro le intrusioni nel Piano Materiale.


Fonte: http://www.d20pfsrd.com/bestiary/monster-listings/monstrous-humanoids/yeti