13) Bestiario

Sottotipo Qlippoth

I qlippoth sono esterno caotici malvagi provenienti dalle profondità dell’Abisso. Hanno i seguenti tratti.

  • Immunità a effetti di influenza mentale, freddo e Veleno.
  • Resistenza ad acido 10, elettricità 10, freddo 10.
  • Aspetto Orripilante (Sop): Tutti i qlippoth hanno forme tanto orride e incomprensibili che coloro che li vedono sono soggetti a effetti deleteri. Un qlippoth può mostrarsi come azione standard, per assalire i sensi di tutte le creature viventi entro 9 metri. Gli effetti di questa capacità variano a seconda del tipo di qlippoth. Un Tiro Salvezza su Volontà riuscito (CD 10 + metà dei DV del qlippoth + il modificatore di Carisma del qlippoth) riduce o nega l’effetto. Questa capacità è un attacco con lo sguardo di influenza mentale.
  • Telepatia.
  • Eccetto quando segnalato diversamente, i qlippoth parlano Abissale.

Qlippoth

Prima che l'Abisso imparasse il processo per trasformare le larve in demoni, o meglio ancora: prima che le larve stesse potessero venire ad esistenza e l'idea della vita mortale fosse anche solo concepita, l'Abisso era fonte di vita. Le creature che lo abitavano esistono ancora adesso, ma in numero drasticamente ridotto e nei più profondi recessi del piano. Conosciuti come qlippoth, questi immondi sono probabilmente la forma di vita più antica del multiverso: di certo, esistevano già quando i Protean li scoprirono. Alcuni credono che i qlippoth provengano da un regno lontano chiamato "guscio esterno" della Grande Oltre, ma se i qlippoth sono indice di ciò che può esistere in quel luogo, il fatto che sia tanto distante non è che una fortuna.

I qlippoth non hanno nulla di umano, se non per qualche errore cosmico o una sinistra imitazione. Nei loro aspetti frementi e striscianti, i folli potrebbero ravvisare le forme di vita più antiche del mondo: ragni, cefalopodi, insetti, vermi e forme di vita persino più antiche. Cosa questo implichi riguardo tali primitive creature è un pensiero su cui pochi studiosi amano soffermarsi a lungo.

Dal momento in cui i mortali iniziarono a peccare, l'Abisso passò dai qlippoth ai demoni, più fecondi. Quando l'Abisso "imparò" a trasformare le anime mortali in demoni, l'esplosione di vita demoniaca culminò con una guerra con quelli che all'epoca erano i dominatori dell'Abisso: i qlippoth. Per millenni questa guerra infuriò su tutti gli strati dell'Abisso. I qlippoth avevano il vantaggio di conoscere il loro piano natio e, in generale, presi singolarmente erano più potenti dei demoni, ma i demoni avevano i numeri dalla loro. Con ogni vittoria da parte dei demoni. nuovi poteri nascevano fra dí essi: Balor, Signori dei Balor, signori dei demoni nascenti e, infine, i signori dei demoni. Con il tempo, i qlippoth furono cacciati fino all'estinzione, costretti a ritirarsi nei reami più remoti e oscuri dell'Abisso, luoghi che perfino i demoni temono.
Qui, i qlippoth si sono nascosti e hanno imperversato per ere intere. Nessuno sa quanti siano sopravvissuti a quell'antica guerra, né quanto l'Abisso sia profondo. In questi pozzi di tenebra vivono i qlipporth, che emergono periodicamente per dare battaglia a loro nemici demoni... ma la loro ira non si estende soltanto a essi. Sanno che i Daemon hanno giocato un ruolo importante aiutando l'Abisso a "imparare" dare vita ai demoni, e la loro guerra con gli abitanti di Abaddon è spinta più dalla vendetta che dal bisogno di Sopravvivenza. Con il passare degli eoni, però, i qlippoth hanno capito che i loro veri nemici non sono gli immondi, ma la stessa vita mortale. Fino a quando i mortali continueranno a peccare e morire, l'Abisso continuerà a dar vita ai demoni. Distruggere il peccato, cambiando la natura umana, farebbe cessare la crescita di popolazione demoniaca ma i qlippoth non hanno idea di come raggiungere questo scopo: per i qlippoth, il massacro di tutti i mortali è sufficiente.

Di conseguenza, tutti i qlippoth odiano la vita mortale, in particolare gli umanoidi, principale fonte di peccato. Quando un qlippoth viene evocato sul Piano Materiale, cerca di sfuggire al suo evocatore e di distruggere umanoidi, con donen incinta e bambini come obiettivi preferiti; se possono scegliere fra uccidere qualcuno di morente, i vicino alla morte, o qualcuno nel fiore degli anni, scelgono quest'ultimo... a meno che uccidere un anziano non dia vita a una catena di morti fra i giovani.

Quando ì qlippoth vengono richiamati con incantesimi che richiedono prove contrapposte di Carisma o meccaniche simili, come Alleato Planare, gli umanoidi malvagi subiscono una penalità -6 a causa del peccato nella loro anima. Un compito che permetta al qlippoth di uccidere molti umanoidi, o il sacrificio di un bambino i di una donna incinta, a volte può azzerare questa penalità. Quando un qlippoth si libera delle catene dell'evocazione tenta di rimanere il più possibile sul Piano Materiale e, in quel tempo, uccidere più mortali che può, cercando così di privare l'Abisso delle anime peccatrici dalle quali ottenere nuovi demoni.

Signori dei Qlippoth

Che i qlippoth abbiano fra loro paragoni della loro specie, simili ai signori dei demoni, è certo. Questi esseri, però, raramente, o quasi mai, emergono dai regni più profondi dell'Abisso per interagire con il resto del Multiverso. Raramente sono venerati sul Piano Materiale, ma simili culti, dove esistono, sono distruttivi e rovinosi.

Il potere concesso ai signori dei qlippoth dall'adorazione dei mortali può avere effetti bizzarri; li può infettare con il peccato dei suoi seguaci. I qlippoth così infettati sono uccisi dai loro simili o costretti alla fuga negli strati superiori dell'Abisso, dove completano la loro trasformazione e, invece di signori dei qlippoth diventano signori dei demoni. La forma è l'unica cosa che permette di capire se un signore dei demoni era in origine un qlippoth: esseri come Dagon, dalla forma di pesce, e Jubilex, una massa informe e amorfa, non hanno caratteristiche umanoidi.


Fonte: http://www.d20pfsrd.com/bestiary/monster-listings/outsiders/qlippoth